Pur non molto nota alla maggioranza del pubblico, la blockchain è parte del valore dei Bitcoin e quindi uno dei segreti del grande successo della moneta virtuale.

blockchain

Vediamo il suo funzionamento e il motivo della sua sicurezza.

La Blockchain ha una storia decennale, ma solo dall’anno 2009 ha trovato una sua collocazione definitiva nel mondo dell’Hi Tech. Il merito è di Statoshi Nakamoto e della sua intuizione, che ha preso la decisione di fondare proprio sulla blockchain (catena a blocchi) il funzionamento dei Bitcoin.

I diversi pregi e anche i difetti della moneta virtuale più importante, sono attribuiti alle caratteristiche tecniche della Blockchain. Il livello elevato di stabilità e sicurezza, la duttilità e la scalabilità sono le caratteristiche fondamentali del Bitcoin (che hanno consentito alla stessa di raggiungere quota oltre i 10.000 euro) frutto della funzionalità che garantisce la blockchain.
Come letto, la definizione della catena di blocchi è stata semplice, spiegarne a cosa serve non lo è.

Cos’è la Blockchian

Per capirne le funzionalità e funzionamento, è opportuno iniziare dalla semplice definizione. In pratica, si tratta di un pubblico registro dove, in modo sicuro, vengono archiviate e verificate le transazioni scambiate fra due trader che appartengono alla stessa rete. I relativi dati degli scambi sono archiviati e salvati all’interno dei collegati blocchi crittografici in modo gerarchico l’uno dall’altro.

In questo modo si crea un’infinita Blockchain che permette di risalire e quindi verificare la totalità delle transazioni mai fatte.
La primaria funzione di una catena di blocchi è, quindi la certificazione delle transazioni fra persone. La Blockchain, nel caso dei Bitcoin, occorre per verificare lo scambio di criptomoneta fra due persone, ma questo è solo uno dei diversi e molti modi possibili di questa tecnologica struttura.

La Blockchain, in altri settori, può certificare lo scambio di azioni e titoli; operare allo stesso modo di un notaio con tanto di vidimazione di un contratto o rendere non alterabili e sicuri gli espressi voti tramite votazioni in rete.

La sicurezza della Blockchain

Uno dei pregi maggiori della catena di blocchi è l’alto grado di garanzia per quanto riguarda la sicurezza. In pratica, quando la transazione ottiene la certificazione e immediatamente salvata all’interno della Blockchain, non può più essere manomessa e quindi modificata. Ognuno dei blocchi collegato al precedente blocco da un puntatore detto Timestamp (una temporale marca che ne certifica l’ora in cui l’evento è effettivamente avvenuto) e ai dati della transazione.

Il tutto è garanzia che ognuno degli elementi della catena di blocchi sia immutabile e univoco. Modificare il Timestamp o il contenuto della Blockchain significherebbe modificare anche la totalità dei successivi blocchi (il puntatore viene creato in base al blocco precedente e in base ai presenti dati), scatenando una reale reazione a catena. Per effettuare una modifica è necessario che il 51% (50+1) della rete dia l’ok alla modifica. Di certo operazione tecnicamente possibile, ma molto difficile da realizzare, dal momento che la catena di blocchi è distribuita fra milioni di trader o investitori sparsi in tutto il mondo.