Nel Forex trading online, la terminologia usata, comincia già dalla denominazione delle coppie di valute. Infatti, le valute, hanno una rappresentazione nominale breve di un codice a 3 lettere, per fare degli esempi: Euro (EUR); Dollaro americano (USD), Yen (JPY) e cosi via….

forex trading online terminologia

Valuta certa – incerta
La valuta che ha la posizione a sinistra è definita in inglese ‘base currency’, ovvero valuta certa, mentre la valuta in seconda posizione (a destra), sempre in inglese ‘Quote currency’ o valuta incerta.

Major – Minor
Le più importanti coppie valute sono note come ‘Major?, mentre le valute scambiate con meno frequenza sono conosciute come ‘Minor’. Fra queste si trovano le valute come il rand sudafricano e la moneta canadese.

Cable
Questo termine rappresenta un classico cambio come tra il dollaro americano e la sterlina. Questa specifico termine è derivato dal sottomarino cavo transatlantico fra Stati Uniti e Gran Bretagna.

Loonie e ulteriori valute
Questo termine vuole rappresentare la valuta canadese. Il termine viene preso dalla figura presente sulla moneta del valore di 1 dollaro che in pratica rappresenta un ‘loon’, ossia un acquatico uccello. Ma questo è un solo termine di una valuta, altri per fare un esempio: dollaro americano (biglietto verde); dollaro neozelandese (kiwi); dollaro australiano (aussie) e cosi via….

Pip
Ulteriori movimentazioni delle quotazioni nel Forex hanno specifici termini. Il movimento di una valuta è misurato in ‘pip’. Per la parte maggiore delle valute in posizione major, un pip, generalmente si riferisce a destra della 4° cifra del punto decimale.

Frazione di Pip
Ognuno dei decimali in evidenza nel prezzo oltre al pip è denominato ‘frazione di pip’.

Forex e Lotti
I trader, nel mercato del Forex operano in standardizzate quantità denominate ‘lotti’. uno standardizzato lotto è pari a 100.000 unità della base della moneta. Per esempio: l’eurodollaro ha un lotto pari a 100.000 euro.

Non tutti gli investitori hanno l’accesso a una somma così elevata di denaro, ma a risolvere questa questione ci sono i broker che consentono ai trader di effettuare questa tipologia di trading utilizzando la leva, ossia offrendo la possibilità di poter aprire una posizione da un elevato controvalore, mettendo sul piatto un versamento relativamente basso, che prende il nome di ‘margine’.

I profitti o le perdite sono basati sul totale controvalore della posizione. Conn questa tipologia d’investimento, sia le perdite che i guadagni possono essere superiori all’iniziale deposito, quindi è necessario fare attenzione ai rischi possibili e usare specifici strumenti per la gestione del rischio.

Questi sono dei specifici (non tutti) termini base che l’investitore può di certo incontrare quando fa del trading sul forex (anche trading online). Ovviamente il trader deve imparare anche altri specifici termini per avere una corretta preparazione di base e quindi avere la possibilità di diventare un trader di successo con un più sicuro Forex.